La differenzaChe farò

C'è un vento fortissimo e noi rinchiusi in macchina a parlare,
Lontani dal mondo siamo in cerca di un segnale,
Che fare il buio, ti spaventa e vuoi fuggire,
Lontana e un po' ti senti strana.

E i sogni son desideri e milioni di pensieri,
Nei ritagli di tempo aspettando il tuo momento.
E c'è una vita migliore da qualche parte amore,
E tu mi hai detto: partiamo! Ma non sai in quale direzione.

Che farò da domani adesso non lo so,
Sto progettando anche di odiarti un poco perché no?
E nel futuro cosa c'è?
Io non lo so e nemmeno te…

E i pomeriggi d'inverno, e di norma tu fai tardi
E sottovoce mi dici: ho paura a innamorarmi.
E ti confesso lo giuro io non te l'ho mai detto,
Ma da allora per primo mi nacque quel sospetto

Che tu avessi già un altro, chissà da quanto tempo,
Ed arriva un punto improvviso che non ci sto più dentro.
E quando gli occhi allagati diventano un sorriso,
Guardo il cielo, stupito, e capisco che non ho capito.

Che farò da domani adesso non lo so,
Sto progettando anche di odiarti un poco perché no?
E nel futuro cosa c'è?
Io non lo so e nemmeno te…

È grande la scossa che mi divide dentro,
Quando dici che adesso la nostra storia ha un senso.
Ed io ci credo davvero e pensando al mio passato,
Vivo in fondo ogni giorno come se fosse l'ultimo che

Mi hai regalato, combatto la noia a denti stretti
E sorrido per ogni risultato che raggiungo,
E se piango rimango anche una notte intera sveglio,
Pensando domani sarà sempre meglio!

Che farò da domani adesso non lo so,
Sto progettando anche di odiarti un poco perché no?
E nel futuro cosa c'è?
Io non lo so e nemmeno te…

Che farò da domani adesso non lo so,
Sto diventando anche cattivo, adesso perché no?
E nel futuro cosa c'è?
Io non lo so e nemmeno te…